IL CANTANTE


Penso al mio cane che con le feste
la tua gonna tirava giù
ma il sole basso all'orizzonte mi sembra un mendicante
che dice sì alla luce per gli occhi della gente
lui non somiglia a me, a me che per orgoglio ho detto sempre no.
Ma io per te non canterò parole che vorrei gridare
ma io per te non metterò le ali per poter volare
volare dove piace a te volare come piace a te
il cielo è grande ed anche mio
mia è la libertà beato chi ce l'ha
Ora io faccio soltanto il cantante
scrivo canzoni e le vendo alla gente
canto di notte e qualche volta alla luna
che non applaude ma sta lì buona buona
anche se bella non è come te
proprio no per te io non canterò
Ma se solanto mi darai quell'umiltà che tu non hai
le perle pigre di rugiada nei tuoi capelli metterei
anche se il cielo soffrirà
anche se mi maledirà un pò di luna ruberò
un vero amante io sarò anche se non ho amato mai
Ora io faccio soltanto il cantante
scrivo canzoni e le vendo alla gente
canto di notte e qualche volta alla luna
che non applaude ma sta lì buona buona
anche se bella non è come te
proprio no per te io non canterò