DISPERATI PENSIERI DI UN IMPOTENTE

La fine di ogni cosa è sempre amara
è come quando cala la bandiera
ormai con te me devo rassegnare
a usatte solamente per pisciare.
Lo so che hai sempre superlavorato
3…4 … a notte senza pijà fiato
Ma da 'na posizione tutta 'n botto
me caschi lungo sullo scendiletto.
E per salvatte nun ce so' rimedi
Io c'ho provato in tutti quanti i modi
ormoni de cavallo , bagni , creme
ma un fiore more non ritorna seme
Hai fatto il tempo tuo vecchio zozzone
Mo' vali ancora meno de 'n coglione
E io che nun t'ho mai trattato male
devo segui' sto triste funerale.
Me vie' da piagne si te guardo ancora
me vie' quasi da ditte 'na preghiera
un tempo andavi avanti come un matto
e mo' sei un po' de pelle da da' ar gatto
la tua presenza nun c' aveva prezzo
mo 'n posso manco di' "m'hai rotto er cazzo"
posso soltanto di' "m'hai rotto" e basta
è come si c' hai 'r sugo e 'n c' hai a pasta
me fai un po' schifo così rattrappito
sembri che so, mezz'etto de bollito
guarda che roba nun ce posso crede
era 'na bestia e mo manco se vede
e prima de trovallo nei carzoni
lo scambio sempre co' uno dei bottoni.
Intanto il sesso è l'unico piacere
a cui non voglio ancora rinunciare,
tu me fai schifo in quella posizione
io t'ammollo cambio direzione.
Me butterò a fa' l'omosessuale
le prime volte me farà un po' male
ma…tu sei morto e io vojo rinasce
e almeno so che il culo nun tradisce.