ER GIGANTE DE CASA

Va bbè... va bbe... ho capito.
Voi annà a ballà.
Decidi te...ṣ pronto, annamo,
anche si nun me và, e chi fiata!
Me 'nfilo 'n ber soriso
e faccio finta d'esse contento,
basta che fai bella figura te.
Io te staṛ vicino bono, bono,
te guardeṛ ballà co' quarcun’antro,
senza di' gnente,
anche si poi c'avṛ la rabbia 'n corpo,
er core è mio
e chi se fa male ṣ sortanto io.
Er tempo de fà er nodo a la cravatta,
la barba nun se vede
sta tranquilla,
pe' 'na serata
te poi accontentà.
Er gigante! Te lo ricordi !?!?
Ero er gigante de casa
e tu pennevi dalle labbra mie,
ma che ce penzo a fà a 'ste fesserie.
Ora nun so' nemmeno er cane tuo,
nun ṣ nemmeno l'ombra de 'na scarpa.
Ero er gigante de casa e dell'amore,
ora me specchio
e me faccio pietà !
L'amore è vita
te dicevo io;
e tu bevevi dar bicchiere mio
e me guardavi come fossi 'n Dio.
Che tempi...
Che notti...
parlassero le stelle
che c'hanno visti a letto...
Er gigante...
Ero er gigante de casa,
ora te faccio solo compagnia,
anzi, de meno ancora.
Er core mio l'hai preso
e che amarezza vedello dentro a 'n secchio
de monnezza !