IL PARTO IN AEREOPLANO

Sto pensando un poco a me...
a un minuto che non passa...
alla vita che va via, che si beve tutti gli anni
col tempo di un'idea
e bevo pure io...
C'è qualcosa che non va
nella testa che pensieri
che sera questa qua...
cosa cerco nel mio ieri...
nella mia natività, nel mese di Settembre...
Strano... io per un niente non nascevo in un aereoplano
in quale cielo chi lo sa...
Pensa... vivere, non avere patria e star bene senza!
Poteva essere cosi'.
Fra un pò ti chiamerò... non muoverti di casa...
Mi distendo sul parquet, la bottiglia che mi guarda
per dire tutto a te, ti racconta certamente ch'è stata tutta mia
La bottiglia è una spia...
Sto pensando pure a te,
al telefono che squilla...sei tu...ma non mi và...
certo non sarai tranquilla, mi aspetti e io sono qua...
chiamerò io...
Strano, mi viene sempre in mente il parto in aereoplano
e mi dimentico di te
credo che la bottiglia vuota è una...io quante ne vedo...
fra un pò telefono... vedrai...
mi son lasciato andare
e tu devi capire...