ROMA E SETTEMBRE


Chi se li scorda più quei lacrimoni
che hai pianto ieri quanno sei partita
ar core mio te c'eri avvicinata
Er tempo ha rovinato proprio tutto
s'è messo a piove sopra sta partenza
la stessa eredità d'ogni vacanza..
Roma e Settembre so' la stessa cosa
diventano le mie malinconie
Settembre vor di' autunno e Roma casa
e in mano nun c'ho più le trecce tue..
Devo resta' 'n artr'anno nell'attesa
speranno intanto de scordamme tutto,
cercanno nell'autunno la sorpresa
pe' nun morì così cor core asciutto
pe' nun mori' così cor core asciutto
Chi se li scorda quei capelli d'oro
quell'occhi che hai rubato dentro ar mare,
nemmeno fossi 'n vecchio pescatore..
In fondo un po' de bene te lo vojo
o a di' la verità so' innamorato
e nun t'ho detto niente per orgoglio
perché a 'st' amore nun c'ho mai creduto
darei 'na capocciata su uno scoglio
si nun te scorderò so' rovinato
Si nun te scorderò so' rovinato