SECONDO ME, L'AMORE (SO DISTRUTTO)

N'ho conosciute tante de mignotte,
ma te lo giuro tu, le freghi tutte.
So' anni che te rotoli 'n quer letto
e nun t'addormi mai senza avč fatto.
Lavoro e butto er sangue tutto er giorno
e tu nun vedi l'ora che ritorno,
mica pe' dimme "caro, com'č annata?"
ma pe' collezionā, 'n'artra scopata.
Er sesso č diventato 'n ossessione!
Pe' corpa tua, c'ho trenta de pressione.
Famme cornuto, t'autorizzo io...
ma a te, te piace fā solo cor mio.
Eppure prima d'esse' tu' marito,
nun me facevi manco move 'n dito,
m'accontentavi co' due, tre bacetti...
parevo l'omo de Maria Goretti.
Dopo che hai detto "sė", te sei concessa.
Senza aspettā la fine della messa,
te venne 'na libbidine 'mprovvisa
e te facesti fā, fori la chiesa.
La prima vorta, 'n piedi, sotto a'r vento...
te feci male e tu? Manco 'n lamento...
dicesti "m'han parlato de dolore",
"ma che sarā quanno verā er piacere?".
D'allora armeno tre, sera e matina,
Nun sei seconda manco a Messalina.
Come me sdrajo, zac, me zompi addosso
e a vorte pe' sarvamme, dormo ar cesso.
Ma adesso basta, basta, so' distrutto.
Chiudi la gabbia tua, metteje er lutto.
L'uccello č morto e m'ha raccomannato,
de risparmiā le palle che ha lasciato!