LA SECONDA

Voi donne nun v'ho mai sentito dire,
stasera caro no, vojo dormire.
Sete sempre disposte, o co’ la micia,
o co' quarc'artra cosa che ve brucia.
Tu poi pretenderesti la seconda
ch'e' 'n po' come li cavoli a merenda
e te lamenti che n'ho fatta una...
ma so' le cinque e ho cominciato all'una!
Io penzo che una fatta bene e mejo
che dieci bottarelle da conijo,
capisco me facessi 'na svertina,
ma so' quattr'ore che c'ho er mal de schiena!
Solo'n minuto f sembravi morta
e mo' gia me stai addosso 'n artra volta,
sembri 'no straccio, guardate allo specchio;
e levame 'sta lingua da l'orecchio.
Me devo ripos, tre, quattro mesi
per evita 'che annamo a fin 'n crisi
preparate a 'n periodo d'astinenza
e levame 'sta coscia da la panza
E nun ricominci a parl de Nino
che ne faceva quattro-cinque armeno,
nun tir in ballo quello de Livorno
che ha vinto 'n premio "dodici in un giorno"
Ancora le tue amiche stai a sentire
co’ sti mariti sempre a fa l'amore
credemo ancora a l'orchi co' le fate
ma nun te le fa di' certe stronzate.
Perch i mariti sono amici mia
e ognuno se lamenta de' la sua
che come te, vo' sempre fa' 'na cosa
e loro poveracci via da casa.
Con i mariti fori, in quer momento
cominciano a scopa'... ma er pavimento !
Mo' in pieno agosto poi senti che callo;
e nun me f er solletico sur collo
nun c' nient'altro ar monno che te piace?
No! Gi lo so, ma chiedo ‘n po' de pace.
'Na vorta tanto fa' la donna seria,
mica fa' male 'na boccata d'aria.
Adesso armeno fa' quello che dico,
nun spigne che me sfonni l'ombelico.
Dici che pe' sentitte realizzata
te devi fa' ogni tanto 'na scopata
io condivido giuro, ma ogni tanto
no una adesso e ‘n artra fra ‘n momento.
Sembra che c'hai duecentomila mani
tre bocche, dieci lingue, sei pormoni
io ho fatto pi de quanto m' dovuto,
quattr'ore esatte aoh, mica ‘n minuto !
La prima, per diritto coniugale,
ma la seconda credeme f male.
Domani pe' sarvamme dal tuo assedio
nasconno quarche amico nell'armadio
e te lo tiro fori ar tempo giusto
cos io m'addormento e tu stai a posto.
Anzi pe’ te che nun ce metti manco amore
sarebbe sufficiente ‘n vibratore.
Pe' una che ne fa' 'na malattia
'st 'idea che famo, la buttamo via?
Due pile nove, e er resto e ‘n fatto tuo
purche a du’ passi dar culetto mio.
'Sta lingua nun se ferma manco morta
e m' venuta voja ‘n 'artra volta
ma dico: prima che ricominciamo,
a 'sta scopata che valore damo?
Tu dici: la seconda di ieri sera
cos stanotte je ridamo ancora!
Eh no! Ne famo una pe' nottata!
questa e 'na prima fatta anticipata.
E inutile che fai 'ste strane facce
aoh... nun me f di le parolacce!
Nun vojo 'n giorno che de me si dica:
eroe del sesso, cadde sulla fica.